martedì 20 agosto ore 22.00

Parco archeologico nazionale di Scolacium
Borgia (CZ)

EVENTO SPECIALE – ETICO E BENEFICO

SCOLACIUM AWARD
IL VALORE DELLA SPERANZA

Con la straordinarie partecipazioni di grandi figure etiche.
Tra queste il PREMIO NOBEL per la PACE NADIA MURAD.
Medici, scienziati ecc, e artisti che si esibiranno, come NOA, AMBASCIATRICE DI PACE dell’ ONU.
Prevista un’autorevole presenza del Vaticano. Incasso devoluto ad ente benefico in definizione.
Oggi un festival non può essere solo un programma di spettacoli di alto profilo artistico, ma deve essere altresì un progetto culturale partecipe del dibattito contemporaneo globale, sui temi fondamentali e così favorire un processo armonico di civiltà e sviluppo sostenibile.
Viviamo in un mondo complesso, con tante dimensioni e contesti individuali e collettivi diverse. L’accelerazione della globalizzazione è difficile da governare senza tensioni e grandi difficoltà a molti livelli, dalla salute del pianeta a quella delle persone, dalla sostenibilità economica materiale a quella immateriale valoriale.
La sensazione è che a fronte di un enorme sviluppo tecnologico e dell’avanzare dell’industria 5.0, si stia sviluppando anche incertezza per il futuro, e di contro il bisogno di alimentare quelle vie di positività, idealità, bellezza e bontà che pure l’umanità, sia laica che di fede, al fine ha sempre saputo tirare fuori.
Infatti la Cultura, intesa complessivamente come ricerca delle soluzioni scientifiche, della creatività artistica, delle giuste condotte sociali, è sempre stata l’argine ad antiche e nuove barbarie.
In questo quadro la Speranza è la vera fonte di futuro. Feconda il presente e gli conferisce senso.
Ci sono alcune persone che più di tutte le altre, grazie alle loro capacità umane o professionali, hanno saputo dare grande “speranza” a tanti altri in difficoltà.
Così SCOLACIUM, terra di antica crocevia di civiltà e di poetica contemporanea bellezza nel cuore del mediterraneo, diventa simbolo sincretico di passato e presente, icona del patrimonio dell’umanità, e quel luogo dove una volta all’anno alcune persone straordinarie (medici, scienziati, artisti, figure istituzionali, operatori di pace ecc ) possano simbolicamente darsi appuntamento, dove si possa ascoltare la loro testimonianza ed esprimere loro la riconoscenza di tutti.
Infatti pur chiamandosi “award”, si tratta soprattutto di un gesto di riconoscenza verso le più grandi personalità della scienza, dell’arte, del pensiero sociale, e un modo per poter fare insieme a loro un FOCUS sul grande valore della Speranza oggi.

PRODUZIONE ORIGINALE DEL FESTIVAL.

Un evento che ribadisce permanenze valoriali ineludibili per l’umanità di sempre e per ogni processo di civiltà, e nel contempo tiene conto della presenza, o necessità, di nuove rotte, dove il concetto di speranza sia la possibile sostenibilità del futuro, delle persone, dei sistemi sociali, del pianeta.

TORNA SU